Navigazione veloce

In sede per confrontarci e programmare

“Mettersi per strada per toccare con mano cosa significa cercare, cioè sapere e non ancora vedere, sentire la mancanza di qualcosa che preme e di cui si ha bisogno, avvertire un vuoto che non può restare ed esige di essere colmato.

Il coraggio di uscire, di abbandonare ripari e difese troppo spesso limitanti, di rinunciare a quanto già si ha per ottenere ciò di cui si avverte il bisogno: questo è mettersi per strada. C’è sempre qualche motivo per restare dove si è, per continuare come si è, per non partire. Ma è paura, perché vero invece è il nostro estremo bisogno di cambiare, di crescere, di conoscere, di rispondere agli interrogativi più urgenti che battono dentro di noi. Ci si mette per strada: un senso di sgomento e di ansia ci assale. Si avverte subito la propria piccolezza e tutto sembra così difficile. Ma poi, appena si comincia, appena la strada si snoda sotto i nostri passi, ci si accorge che, come le nebbie del mattino, la paura si dilegua e adagio adagio sorge il sole.

…….  Ma non si arriva se non per ripartire. Quando fa giorno si riparte. La tenda viene ripiegata, si cancella ogni traccia, e si va, portando nel cuore quella ricchezza di cose e di persone che si è vissuta. Poi, un’altra tappa, un altro incontro con altre persone e altre cose; ma le stelle saranno ancora quelle, ancora quelle le nuvole, l’acqua, il fuoco, ancora quella la gioia dell’arrivare. Non si sta fermi: siamo fatti per camminare, per crescere, per divenire. La verità del nostro essere liberi e intelligenti ci fa capire che là dove siamo ora non è che una tappa e che la strada è ancora lunga.

“C’è una lunga, lunga traccia…” che si perde nel cielo, che scavalca il tempo e approda all’eterno: ma intanto si cammina. Se fin qui si è goduto nella ricerca, nell’incontro, nello stupore dei paesaggi e delle esperienze interiori, quanto ancora c’è da godere, continuando con un bagaglio che si fa sempre più ricco! Arrivare e partire. Il senso del nuovo che ogni giorno si apre ai nostri occhi e al nostro cuore. C’è sempre un “ancora”, un “più”, un “domani”: “già” e “non ancora”, per tutto quello che si è e per quello che domani saremo, per noi e per il mondo intero.”

Don Giorgio Basadonna

Aiutati dalle parole di un grande prete e scout, abbiamo ricominciato il cammino nel nuovo anno scout confrontandoci sulle attività da programmare negli ambiti

SERVIZIO

LETTURE COMUNITARIE

USCITE

AUTOFINANZIAMENTO, PROGETTI…

 

  • Condividi questo post su Facebook

1 commento »

Lascia un commento